MA POI LA WEDDING PLANNER A COSA SERVE? Marita Campanella | Marita Campanella | Wedding Planner Puglia

Ma poi la wedding planner a cosa serve?

wedding planner

Ma poi la wedding planner a cosa serve?

Prendi una sposa, una di quelle che hanno buon gusto e creatività. Una sposa di quelle che sa esattamente cosa vuole indossare per il suo grande giorno e dove dovrà svolgersi il ricevimento. Sa precisamente i nomi e le cromie dei fiori che dovranno adornare i momenti del matrimonio, il tema, lo stile. Lei sa tutto. La considerazione è automatica: a cosa le serve la wedding planner?

Eh, eh … da qui comincia il bello. Sì, comincia il bello del mio lavoro: realizzare e-s-a-t-t-a-m-e-n-t-e ciò che la sposa (e lo sposo anche) ha ben impresso nella mente. Perché una sposa con le idee chiare non è una sposa che ha per forza dimestichezza con le dinamiche del wedding market, a meno che non si sia sposata più volte di Liz Taylor!

Il mio primo grande compito è quello di tirare fuori innanzitutto il progetto della sposa, facciamo così, degli sposi (non me ne vogliano i maschietti ma alla fine è così: nella maggior parte dei casi è la sposa la vera creativa della coppia).

Lunghe chiacchierate per entrare nel merito della storia della coppia, dei loro desideri, i loro miti e i loro sogni e… del loro budget.

Non vorrei sembrarvi venale ma è la verità: il mio più grande compito è realizzare un progetto wedding che rientri il più possibile nelle disponibilità economiche degli sposi, valorizzando i loro auspici e senza frustrare troppo le loro possibilità, qualora limitate.

Dopo diversi incontri con gli sposi, in base al momento nel quale mi affidano l’incarico, procedo con i sopralluoghi di rito. Normalmente ogni sopralluogo mi prende una mezza giornata in quanto raccolgo tutti gli elementi necessari per poter intrecciare le richieste degli sposi con quelli che sono i tempi di cerimonia e ricevimento nonché la fattibilità logistica e materiale di ogni allestimento.

Dopo ogni sopralluogo parto con i vari appuntamenti con i singoli professionisti che dovranno operare seguendo dritte ben precise e in perfetta sintonia l’uno con l’altro. A me l’ingrato compito di conciliarli tutti affinchè tutto sia perfetto.

Tra uno step e l’altro incontro gli sposi per poterli aggiornare sui singoli sviluppi e ricevere eventuali altre richieste. In tutto ciò, inseriteci anche una buona dose di consulenza psicologica intervallata da aperitivi con gli sposi e battute da cabaret (non prendetemi in parola, ma l’ironia è una delle mie doti) per far sciogliere e rilassare gli sposi, e perché no, pure le mamme.

Arriva il grande giorno. Sappiate che la notte prima (ma pure due notti prima) io non dormo. Quel giorno deve essere perfetto, non posso sbagliare e voi dovete essere raggianti e godere di ogni singolo momento di quella giornata perché sarà unica ed indimenticabile.

La mattina delle nozze amo seguire la preparazione degli sposi e rassicurare le loro ansie ponendo gli occhi su qualsiasi dettaglio perché sia perfetto: anche il papillon del papà della sposa e dei paggetti dovrà essere impeccabile.

Di corsa in chiesa a coordinare fioristi e sistemare kit messa, e via con il corteo nunziale e velo della sposa al posto giusto. Raduno il team e si corre in location per controllare che tutto sia in ordine e che i tempi siano quelli concordati. Sorriso di accoglienza agli sposi e ospiti appena arrivati in location, due parole con le mamme degli sposi a cui relaziono che tutto va per il verso giusto. Un occhio in cucina, un altro agli addobbi esterni, due dritte al maître. Mi fermo un attimo, un sorso d’acqua, raggruppo il team e via: si passa alle coreografie dei dolci e della torta nunziale per poi arrivare al saluto finale con gli sposi. Questo momento è quello in cui il mio sorriso si associa ad una lacrima: tutte le emozioni che ho trattenuto per gestire al meglio il sogno dei miei sposi si sciolgono in un commovente abbraccio di reciproco ringraziamento. Gratitudine da parte degli sposi perché tutto è andato per il verso giusto e da parte mia per avermi scelta come coordinatrice del loro giorno perfetto e aver compreso a che cosa serve una wedding planner.

post correlati
  • Prendi una sposa, una di quelle che hanno buon gusto e creatività. Una sposa di quelle che sa esattamente cosa vuole indossare per il suo grande giorno e dove dovrà svolgersi il ricevimento. Sa precisamente i nomi e le cromie dei fiori che dovranno adornare......

  • IL 18 giugno si svolgerà un evento fuori dalle righe, coinvolgente e trasgressivo, una vera e propria festa per celebrare le coppie di sposi e tutti gli invitati!   Stiamo parlando del party  “Torre Andriana per Chiara & Fede” del 18 giugno, organizzato dal Relais per......